Skip to main content
Orang-Utan in der Auswilderungsstation Jantho
Orang-Utan in der Auswilderungsstation Jantho
Orang-Utan in der Auswilderungsstation Jantho
Auswilderungsstation Jantho in Sumatra
Thomas-Langur in Sumatra.

Sumatra

Lo zoo di Zurigo è in collaborazione con la fondazione PanEco e con partner locali, per curare gli orangutan orfani e feriti sull’isola di Sumatra. L’obiettivo è di rimettere in libertà gli animali e di ricreare lì due popolazioni autosufficienti, per contribuire così alla conservazione della specie a rischio. Inoltre, i lavori di ricerca e le pubbliche relazioni internazionali offrono un importante contributo alla conservazione delle foreste pluviali di Sumatra.

SFIDE

In Indonesia è vietato per legge catturare gli orangutan. Ciò nonostante, spesso i loro cuccioli vengono tenuti illegalmente come animali domestici. Questi animali sono l’inevitabile conseguenza della distruzione delle foreste pluviali, laddove le grosse aziende danno fuoco a immense superfici, con tutto ciò che ci vive all’interno. Qualche volta sopravvive una madre con il proprio cucciolo su un singolo albero. Mentre la madre viene uccisa dagli operai, il cucciolo viene invece portato via e tenuto per se o venduto. Il più grande aguzzino, e la causa vera e propria della perdita di animali e dell’habitat naturale, è l’industria dell’olio di palma. Si stima che la quota di orangutan si aggira attorno ai 14.000 esemplari, e secondo la lista rossa sullo stato di conservazione delle specie animali, sono a rischio di estinzione.

Presentazione del progetto di conservazione della natura di Sumatra.

Uno sguardo alla scuola per oranghi della foresta pluviale presso il santuario di Batu Mbelin.

Orangotango recuperati nella riserva naturale di Jantho.

Nella stazione di soccorso e riabilitazione di Batu Mbelin, il team competente si prende cura degli orangutan confiscati. Gli animali, spesso solo di pochi mesi, soffrono di cattiva alimentazione e malattie. Come prima fase, il team somministra medicinali agli orangutan soccorsi e, qualora necessario, li accudisce ventiquattro ore su ventiquattro. Noi, da una parte finanziamo le cure mediche, e dall’altra la formazione veterinaria presso l’università di Aceh.

Sumatra Pflegestation Orang-Utan

Ad oggi, nella stazione di soccorso e riabilitazione sono stati curati oltre 380 animali.

Nella fase successiva, gli animali assistiti vengono preparati per una vita autosufficiente in libertà. I giovani animali ricevono le loro esperienze di vita nella foresta pluviale dalle loro madri durante i primi sette anni di vita. A seconda dell’animale, la fase preparatoria prima della reintroduzione nell’ambiente naturale dura molti anni anche a Batu Mbelin. Il team di assistenza allenano gli orangutan ad arrampicarsi nella scuola della foresta pluviale, e li mette in contatto con i loro simili della stessa età. In questo modo gli animali possono imparare gli uni dagli altri. Gli orangutan imparano anche a costruire il loro nido per la notte, a cercare il proprio cibo e a trattarlo.

Klettertraining

Per sopravvivere nella foresta pluviale è importante anche saper riconoscere correttamente la resistenza di un ramo.

Non appena gli orangutan sono pronti per tornare in libertà, devono viaggiare per 800 km fino a Jantho. Qui, così come anche in un’altra regione del sud, l’obiettivo del nostro progetto è di creare una nuova popolazione di orangutan autosufficienti di almeno 250 esemplari. Ad oggi, oltre 120 animali sono arrivati a Jantho. La gioia è stata immensa quando gli assistenti alla ricerca 2017, hanno scoperto i frutti più giovani delle loro premure: dopo sette anni, da quando è stata effettuata la reintroduzione di orangutan a Jantho, è nato un cucciolo e subito dopo una seconda nascita – un maschio e una femmina, che si chiamano Masen e Mameh. Questo ha significato la prima generazione nata da genitori rimessi in libertà.

Marconi und Masen

Marconi e Masen sono il segno della speranza per la popolazione di orangutan.

Il nostro impegno non finisce con la reintroduzione in natura degli animali, lasciati a se stessi. Un team di ricerca osserva con molta attenzione il comportamento degli orangutan rimessi in libertà, soprattutto durante i primi mesi. Il cosiddetto Post Release Monitoring Team, la cui formazione e salari sono finanziati da noi, segue gli animali rimessi in libertà e documenta il loro comportamento durante tutto il giorno.

Forschung Sumatra Lebensraum Factsheet

Gli assistenti alla ricerca documentano lo stato degli animali e il loro habitat.

I dati rilevati danno informazioni importanti sulla vita e abitudini, in parte ancora sconosciute, degli orangutan rimessi in libertà. Quindi anche lo sviluppo ulteriore della reintroduzione degli orangutan, laddove la PanEco e i loro partner giocano un importante ruolo pionieristico, è parte del nostro progetto complessivo.

Un altro focus del nostro progetto è la lotta contro la deforestazione degli habitat naturali degli orangutan e di altre specie di animali a rischio di estinzione. Ogni anno in Indonesia l'estensione delle foreste pluviali si riduce di quasi un quarto del territorio della Svizzera. Negli ultimi 30 anni, è stato distrutto l’80% delle foreste pluviali di Sumatra. Il nostro impegno si concentra sull’ambiente naturale del parco nazionale di Gunung Leuser. Questa regione è nota anche come Ecosistema di Leuser. Le foreste non sono solo l'habitat naturale degli orangutan. Queste forniscono anche importanti sistemi ecosistemici alle popolazioni locali; li protegge contro le mareggiate, l'erosione e le alluvioni, e garantiscono acqua potabile pulita.

Regenwald Sumatra Factsheet

Grazie alla loro grande biodiversità, le foreste pluviali di Sumatra sono riconosciute Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

Particolarmente sensibili sono le ultime paludi delle foreste pluviali sulla costa di Aceh al nord di Sumatra. In queste foreste torbiere vive il maggior numero di orangutan al mondo. Inoltre, in questa specifica area, l’industria dell’olio di palma ha disboscato illegalmente gran parte del territorio. PanEco e i loro partner sono riusciti a far incriminare l'azienda, e grazie alle pressioni dell’opinione pubblica, sono riusciti a far pronunciare la condanna con sentenza in giudicato. La sanzione per incendi dolosi illegali si aggira attorno ai 26 milioni di dollari USA, somma che è stata impiegata per la reintroduzione in natura.

Brandrodung Regenwald Sumatra

Purtroppo gli incendi dolosi illegali da parte dell’industria dell’olio di palma sono in Indonesia all’ordine del giorno.

Dr. Ian Singleton, SOCP.

Il dott. Ian Singleton, biologo ed ex veterinario nello zoo di Jersey, è a capo del programma di protezione degli orangutan di Sumatra dal 2001, data d’inizio del progetto. Il primatologo è il responsabile del progetto di PanEco in Indonesia e, grazie ai suoi lavori scientifici e al suo impegno nella protezione degli orangutan di Sumatra, gode di ottima stima internazionale.

Dr. Claudia Rudolf von Rohr, Zoo Zürich.

La curatrice, dott.sa Claudia Rudolf von Rohr, è a capo del reparto Ominidi e Australia ed è la responsabile del progetto a Sumatra. Lo scambio con i partner in Indonesia è piuttosto fitto. La primatologa fa parte dell’Associazione Europea degli Zoo e degli Acquari EAZA ed è membro della Commissione per la tutela degli orangutan e gorilla.

Progetto dal:
Contributi diretti finora:
CHF 686'000.-
Donate ora

I nostri partner

Stiftung PanEco