indietro

Kaeng Krachan

Il nostro impegno

Lo Zoo di Zurigo sostiene il parco nazionale di Kaeng Krachan in Thailandia per proteggere gli elefanti che ci vivono, in stretta collaborazione con la società per la tutela della fauna selvatica WCS. Al centro dell'impegno è l’appianamento del conflitto tra gli esseri umani e gli elefanti. Oltre alle recinzioni protette che impediscono agli elefanti di entrare in aree abitative, è stato istituito un centro informativo, in cui le classi scolastiche e la popolazione vengono sensibilizzati sulla conservazione della natura. Inoltre, lo zoo di Zurigo sostiene i guardiacaccia del Parco Nazionale Kaeng Krachan nella lotta contro il bracconaggio finanziando attrezzature e corsi di formazione.

Concreta protezione della natura

Con quasi 3.000 km quadrati, il Parco Nazionale Kaeng Krachan è la più grande area protetta in Thailandia. In esso vivono circa 200 elefanti selvaggi. Il Parco Nazionale Kaeng Krachan e altre aree protette nel nord comprendono le aree forestali più grandi e più ricche di specie in tutta la regione del Sud-Est asiatico. Qui, con la costituzione di corridoi per animali selvatici in combinazione con le altre aree protette verranno protetti a lungo termine i percorsi migratori tradizionali di elefanti, nonché tigri, gibboni, tapiri e altre specie di animali e vegetali in pericolo.

Sfide

L’area di distribuzione dell'elefante asiatico originariamente si estendeva dalla Siria fino alla Cina, inclusi Sri Lanka, Sumatra e Borneo. Oggi, l'International World Nature Conservation Union (IUCN) stima che la sopravvivenza di questi elefanti in natura è fortemente in pericolo. In molte regioni del sud-est asiatico, questa specie di animali è a rischio di estinzione. In Thailandia si stima che siano presenti in natura ancora circa 3000 animali. Molti fattori influenzano la loro presenza. Da un lato, gli elefanti riescono a sopravvivere attaccando con le zanne le visiere dei bracconieri. D'altra parte, l'habitat degli elefanti viene gradualmente perduto con la bonifica e l'espansione delle colture agricole.

I luoghi tradizionali dove gli elefanti andavano a cibarsi e i sentieri migratori degli elefanti selvaggi in molte zone vengono distrutti dall'agricoltura. Così, durante le loro migrazioni, gli animali causano notevoli danni a piantagioni, case o bestiame. Ciò crea conflitti, che vengono notevolmente ridotti con recinzioni protettive e posti di guardia. A questo scopo, sono stati costruiti recinti di allarme lungo il confine del parco nazionale. Se gli elefanti sfondano questi recinti di allarme, suona un forte allarme acustico accompagnato da una segnalazione luminosa. Così le guardie ricacciano gli elefanti nella foresta. La lunghezza limitata della recinzione consente agli animali di continuare comunque la loro migrazione dopo una deviazione. I conflitti in alcune regioni sono stati ridotti fino al 90%.

Alarmzaun zur Entschärfung des Human-Elephant-Conflicts

Recinto con allarme: gli elefanti escono dalla foresta soprattutto di notte, per andare a cercare cibo nei campi di ananas, banane e altri frutti. I segnali illuminati e dotati di allarme «smascherano» gli animali che rompono i recinti per recarsi nei campi. Svegliati dal rumore, il contadino o il ranger tentano di ricondurre indietro gli elefanti con i fuochi d’artificio; i raccolti e gli elefanti non subiscono così alcun danno.

Un corridoio migratorio di 75 chilometri permetterà agli elefanti del Parco Nazionale Kaeng Krachan di migrare in modo sicuro al nord nelle aree protette del Complesso Forestale Occidentale. Lo zoo di Zurigo, in stretta collaborazione con la Società per la tutela della fauna selvatica WCS, sostiene i guardiacaccia del parco nazionale Kaeng Krachan nella lotta contro il bracconaggio, la deforestazione e l'uso illegale del terreno.

Ranger des Kaeng Krachan Nationalparks

I ranger pattugliano regolarmente il parco Nazionale per contrastare la caccia illegale.

Manoon Pliosungnoen, WCS Thailand
Manoon Pliosungnoen, WCS Tailandia: lo scienziato ambientale Manoon Pliosungnoen lavora dal 2009 per la Wildlife Conservation Society WCS Thailand come als Projectmanager nel Kaeng Krachan Forest Complex.
Dr. Martin Bauer, Leitender Kurator Zoo Zürich
Dottor Martin Bauer, Curatore dello Zoo di Zurigo: è a capo del reparto di zoobiologia ed è il principale responsabile per il Progetto di Protezione Ambientale dello Zoo di Zurigo. Cura lo stretto scambio con i responsabili di progetto in Tailandia. È vicepresidente della Commissione Tecnica Svizzera per gli interessi del Convenzione sul Commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione (CITES).